Comunicato della conferenza Lavoratori migranti invisibili e diritti umani visibili

Comunicato della conferenza Lavoratori migranti invisibili e diritti umani visibili

Comunicato della conferenza Lavoratori migranti invisibili e diritti umani visibilicome parte del progetto CRISIS 2020/21: Solidarietà sociale in Europa. Migranti per lavoro dall’Europa dell’Est per l’Europa occidentale presso la Pontificia Università di St. Tommaso d’Aquino- Angelicum a Roma insieme con l’ Istituto Marie Dominique Chenu a Berlino per le autorità ecclesiastiche, comunità e istituzioni, responsabili nelle istituzioni europee e sindacati e datori di lavoro

Noi, che siamo relatori, partecipanti e sostenitori della suddetta conferenza come parte del nostro tema CRISIS e comunità stiamo anche usando la nostra conferenza internazionale con 22 relatori per la ricerca di una nuova solidarietà in Europa, riconoscendo la difficile situazione dei lavoratori migranti “invisibili”. I lavoratori migranti fanno parte della vita economica quotidiana dell’Europa. Oggi troviamo lavoratori agricoli ucraini in Spagna, lavoratori rumeni in fabbriche di carne tedesche e infermiere geriatriche slovacche, ceche e ungheresi che assistono le famiglie austriache, solo per citarne alcune. Di solito questi lavoratori sono “invisibili”. Molti di loro sono sfruttati sia socialmente che economicamente. Durante il loro periodo di lavoro, vivono in alloggi a livello di povertà. I diritti dei dipendenti, come orari o pause di lavoro, sono stati ignorati. Durante questo periodo di crisi COVID questi lavoratori migranti invisibili sono diventati visibili. Le linee di sfruttamento corrono spesso tra l’Europa occidentale e quella orientale; ma si verificano anche tra Stati UE e non UE.

Vorremmo promuovere la dignità umana ei diritti di tutti i lavoratori mobili nell’UE che forniscono servizi di base alle persone domestiche, come il cibo di tutti i giorni sulla loro tavola, o aiutare i loro nonni, ecc. Assistiamo a molti sforzi legislativi e sociali, dal Parlamento europeo alle singole presidenze dell’UE in questo momento di pandemia, e ne siamo molto grati. Tuttavia, osserviamo anche stereotipi ricorrenti sul trattamento dei membri di altre nazioni in diversi paesi della nostra comune Europa. Apprezziamo profondamente il progetto europeo comune come un luogo unico per la coesistenza pacifica e il progresso delle nazioni e degli individui, e vorremmo essere rassicurati del suo significativo futuro.

Tuttavia, questo include una vera conoscenza di individui, culture e nazioni, in modo da poter chiamare questa organizzazione transnazionale una casa comune. Chi lavora per il mio bene comune e si è reso visibile anche in questi tempi difficili, deve godere almeno del rispetto e della gratitudine di fondo presentati anche dai canali sociali ufficiali della società domestica, se non diventa mio amico che mi aiuta a vivere meglio

Ci auguriamo che le istituzioni interessate ci aiuteranno a lavorare a questo compito comune, aprendo così la strada a un’Europa transnazionale comune forte.

Maggiori informazioni e registrazione