Dichiarazione sull’Ucraina

Dichiarazione sull’Ucraina

Dichiarazione del Rettore Magnificus, fr. Thomas Joseph White, OP, sulla situazione in Ucraina

 

La Pontificia Università San Tommaso d’Aquino (Angelicum) e il suo personale sono impegnati verso i principi e le norme dell’insegnamento sociale della Chiesa cattolica. In linea con questi principi, sosteniamo il diritto dei cittadini alla pace, alla sicurezza e all’autodeterminazione nazionale senza paura di minacce o violenza. Allo stesso modo, condanniamo senza ambiguità l’uso insensibile della forza in questa ingiusta guerra di aggressione e sottolineiamo il diritto naturale del popolo ucraino a difendersi. In solidarietà con il popolo ucraino in questo momento, condividiamo pienamente le parole di Papa Francesco nel chiedere l’immediata cessazione della guerra in Ucraina, e sosteniamo gli sforzi internazionali volti a promuovere la diplomazia, proteggere gli innocenti e prendersi cura delle popolazioni immigrate sfollate. Come università cattolica, approviamo la dichiarazione rilasciata dalla Federazione Internazionale delle Università Cattoliche. Esprimiamo anche solidarietà  in modo particolare verso i nostri colleghi dell’Università Cattolica Ucraina, con l’Arcivescovo Maggiore Sviatoslav Shevchuk, ex alunno dell’Angelicum, e con gli altri leader della Chiesa che si prendono cura del popolo del loro paese in questo difficile momento. Preghiamo in modo particolare per i nostri compagni domenicani, le sorelle, i professori e gli studenti dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose di San Tommaso d’Aquino a Kiev.

 

Le nostre preghiere sono con il popolo sofferente dell’Ucraina. Ci impegniamo a offrire loro assistenza pratica e aiuto dove possibile. In accordo con le intenzioni del Santo Padre, stiamo pregando per un integrale ripristino della giustizia e della pace.

 

Statement of the Rector Magnificus, fr. Thomas Joseph White, OP, on the situation in Ukraine

 

The Pontifical University of St. Thomas Aquinas (Angelicum) and its personnel are dedicated to the principles and norms of the social teaching of the Catholic Church. In keeping with these principles, we uphold the rights of citizens to live in peace, safety, and national self-determination without fear of threat or violence. Likewise, we condemn unambiguously the callous use of force for in this unjust war of aggression and underscore the natural right of the Ukrainian people to defend themselves. Standing in solidarity with the Ukrainian people at this time, we echo the words of Pope Francis in calling for an immediate cessation of war in the region, and we support international efforts to promote diplomacy, protect the innocent, and care for displaced immigrant populations. As a Catholic university, we endorse the statement issued by the International Federation of Catholic Universities. We also stand in solidarity in a particular way with our colleagues at the Ukrainian Catholic University, with the Major Archbishop Sviatoslav Shevchuk, alumnus of the Angelicum, and with other church leaders caring for the people of their country at this time. We pray in a particular way for our fellow Dominican friars, sisters, professors, and students at the Superior Institute of Religious Sciences of St. Thomas Aquinas in Kiev.

 

Our prayers are with the suffering people of Ukraine. We pledge to offer them practical assistance and help where possible. In accord with the intentions of the Holy Father, we are praying for an integral restoration of justice and peace.